Fare trading di Bitcoin con eToro: comprare e vendere Bitcoin e Altcoin in sicurezza

43

Una piattaforma sicura e certificata; veloce e semplice nell'utilizzo, eToro risulta uno dei broker più qualificati ed utilizzati anche per criptovalute e bitcoin.

Fare trading di Bitcoin può essere una notevole opportunità per coloro che si sono stancati di veder deperire i propri soldi su un conto corrente il quale, nell’era dei tassi di interesse prossimi allo zero, non è in grado di remunerare il capitale versato. Proprio per questo motivo sono sempre di più coloro che guardano con interesse al settore delle criptovalute, soprattutto alla luce della liquidità di un mercato che nel corso dei mesi estivi è tornato a fare scintille.

Investire su BTC e su altre monete virtuali, però, può rappresentare un rischio non da poco per chi decida di accostarsi ad esse pensando che basti la fortuna per collezionare guadagni. Non è assolutamente così, perché siamo in un campo, quello dell’investimento finanziario, in cui la volatilità è all’ordine del giorno e può rivelarsi disastrosa per coloro che non abbiano predisposto una strategia adeguata. Con questo termine si intende un modus operandi in grado non solo di portare infine ad un guadagno, ma anche di limitare al massimo le possibili perdite.

L’importanza di scegliere la piattaforma giusta

Il primo passo da preparare con estrema attenzione, quando ci si rivolge al trading online, è la scelta della piattaforma con cui operare, come ad esempio eToro (sito ufficiale).

Il motivo che rende fondamentale questo passo consiste nel fatto che il settore, nel corso degli anni passati, è stato ripetutamente turbato da truffe e comportamenti poco trasparenti da parte dei broker. Tanto da spingere le autorità di controllo dei mercati finanziari a stilare vere e proprie blacklist in cui compaiono decine di nomi dei broker che sarebbe meglio evitare, liste che sono peraltro il risultato di un continuo scambio di informazioni tra CONSOB, CySEC, FSA, AMF e altri enti analoghi operanti nei vari Paesi.

Va precisato come tra i comportamenti sanzionati non rientri solo il prosciugamento dei conti aperti dai clienti, ma anche lo sfruttamento dei soldi in essi depositati per operazioni parallele, oppure i gravi ritardi accumulati nel rilascio delle somme richieste dagli utenti. Una lunga serie di truffe e comportamenti poco trasparenti che hanno infine costretto l’Unione Europea a varare direttive tese a tutelare i clienti dei servizi finanziari.

La miglior tutela, però, parte proprio dalla scelta del broker giusto.

Il primo passo in tal senso è rappresentato sicuramente dal possesso di regolare autorizzazione ad operare sui mercati finanziari rilasciata dall’autorità di controllo del Paese in cui si opera. Quindi, in Italia, chi si rivolge ad una piattaforma per il trading online deve innanzitutto sincerarsi che essa goda di un permesso rilasciato dalla CONSOB, la quale lo concede soltanto agli operatori che rispettano le direttive continentali e i requisiti richiesti dalla nostra legislazione. Una piattaforma sicura, affidabile e certificata è eToro (sito ufficiale).

Oltre alle questioni legate alla sicurezza, un altro aspetto chiave da tenere presente in questa fase è quello rappresentato dalla necessaria operatività, ovvero dal livello dei servizi che caratterizzano un broker piuttosto che un altro. Molto importante ad esempio è proprio il tipo di piattaforma utilizzata, ovvero l’interfaccia con cui l’utente dovrà convivere nelle sue operazioni. La migliore in assoluto è Metatrader, arrivata alla sua versione 5, ma ci sono anche operatori che ne hanno sviluppata una per conto proprio, la quale quindi dovrebbe essere oggetto di valutazione.

Altro servizio considerato molto importante è poi la possibilità di poter disporre di un conto demo. Si intende per tale una versione simulata dei mercati, su cui l’aspirante trader può allenarsi per cercare di capire lo stato di avanzamento della sua preparazione e quale sarà l’ambiente di lavoro in cui si troverà ad investire. Il tutto senza dover impiegare soldi reali, e naturalmente senza guadagnarli. Anche se manca lo stress tipico del trading vero, essa può rappresentare un allenamento proficuo e quindi sarebbe meglio scegliere un broker che mette a disposizione gratuitamente la demo.

Infine la questione dei costi, ovvero le commissioni che occorre pagare per le operazioni messe in atto. Si tratta di una questione molto rilevante, proprio perché su alcuni strumenti, ad esempio i CFD (Contract for Difference), esistono broker che non le fanno pagare alla clientela.

Fare tratign con eToro è sicuro?

Una volta ricordati i fattori che dovrebbero guidare la scelta del broker con cui operare, non resta che capire quale tra le piattaforme esistenti può fare al caso di un trader che vuole investire su Bitcoin. L’identikit, proprio sulla base dei tre punti individuati, non può che ricadere su eToro, operatore che deve la sua grande notorietà soprattutto al copy trading (possibilità di copiare strategie e wallet di traders esperti che guadagnano realmente dal trading).

Nato nel 2006 a Tel Aviv, da un’idea dei fratelli Yoni Assia e Ronen Assia e di David Ring, quattro anni più tardi ha lanciato la modalità di investimento che ne ha sancito la fortuna a livello planetario. L’idea in questione prevede che agli iscritti sia data la possibilità di copiare le operazioni intraprese dai trader più preparati, detti Popular Investor, da scegliere in una lista di quelli che accettano la funzione di guida, in cambio di una parte degli utili collezionati dalle operazioni intraprese.

Come si può facilmente comprendere si tratta di un’idea allettante soprattutto per chi si trovi a muovere i primi passi in un settore ove la perdita è all’ordine del giorno. Tanto da aver permesso a eToro (sito ufficiale qui) di collezionare oltre 4 milioni di clienti in ogni parte del globo, che giorno dopo giorno ne sanciscono il sucesso planetario.

Trading di Bitcoin: perché farlo con eToro

Proprio eToro è uno dei broker che hanno allargato il proprio raggio d’azione a Bitcoin e altre criptovalute, offrendo ai propri clienti la possibilità di puntare su un asset sempre più popolare.

Lo si può fare sia acquistando direttamente il bene, che investendo su di esso senza detenerlo fisicamente.

Acquistare BTC e Altcoin con eToro

Si tratta di due opportunità molto diverse, in quanto per poter gestire il possesso del token occorre dotarsi in via preliminare di un wallet, ovvero di un portafogli digitale con relativa chiave privata.

Per farlo occorre essere in possesso di conoscenze di base cui non tutti sono in grado di accedere, esponendosi a rischi di non poco conto, ovvero ad attacchi di pirateria informatica tesi alla sottrazione delle criptovalute conservate nel wallet.

Inoltre il possesso diretto di BTC o Altcoin permette di guadagnare solo nel caso in cui la loro quotazione salga dal momento in cui sono state acquistate, obbligando perciò a scegliere con cura il momento dell’ingresso a mercato.

eToro (sito ufficiale)

Trading con CFD in Crypto tramite eToro

L’investimento su BTC sottostanti, fatto mediante CFD, consente invece la cosiddetta vendita allo scoperto, ovvero senza che sia necessario averne il possesso.

Oltre ad eliminare le seccature di carattere tecnico di cui abbiamo parlato, questa modalità di trading rende possibile guadagnare non solo ove la quotazione dell’asset scelto salga, ma anche se scende.

In pratica occorre riuscire a capire se BTC vedrà crescere o diminuire il suo prezzo nel periodo preso in considerazione a livello contrattuale. Per farlo occorre naturalmente dare vita ad una attenta disamina dei fattori in gioco, riuscendo infine a concludere che il token sia attestato su un prezzo più alto o più basso rispetto alle potenzialità e ad una serie di fattori in grado di incidere sulla situazione economica in generale e sulla sua quotazione in particolare.

Perché fare trading di Bitcoin con eToro? Il primo motivo risiede appunto nel notevole livello di sicurezza offerto dalla piattaforma.

Questo operatore, infatti, gode delle licenze rilasciate dalle autorità dei Paesi in cui offre i suoi servizi, ovvero anche della CONSOB. Si può quindi essere sicuri di operare con un broker serio, senza doversi preoccupare che pratiche opache possano essere messe in atto sui capitali depositati.

Inoltre proprio eToro consente di utilizzare CFD senza dover pagare commissioni. Si tratta di una questione di non secondaria importanza, considerato come il livello delle stesse sia destinato ad incidere notevolmente sulla performance finale delle operazioni intraprese.

Motivi che spingono a concludere come il broker in questione rappresenti una delle migliori soluzioni per chi abbia in mente di investire sulle monete virtuali, detenendole direttamente o puntando sui CFD.

eToro (sito ufficiale)