Come gestire lo stipendio per arrivare a fine mese e risparmiare denaro

38

Gestire lo stipendio è un problema? Per molte persone arrivare a fine mese non è facile. Talvolta questa difficoltà non è legata all’entità del proprio stipendio, ma a una vera e propria gestione del denaro che si ha a disposizione. Ammesso il fatto che guadagnare 1.000 o 5.000 euro al mese comporta una notevole differenza, […]

Gestire lo stipendio è un problema? Per molte persone arrivare a fine mese non è facile. Talvolta questa difficoltà non è legata all’entità del proprio stipendio, ma a una vera e propria gestione del denaro che si ha a disposizione.

Ammesso il fatto che guadagnare 1.000 o 5.000 euro al mese comporta una notevole differenza, saper gestire il proprio stipendio è un qualcosa di fondamentale se si vuole arrivare con tranquillità a completare il mese.

In questo breve articolo affronteremo il discorso con alcune tecniche e ragionamenti che possono aiutarti nella gestione mensile, limitando le perdite, uscendone in pari o, perché no, riuscendo anche a mettere qualche euro da parte.

Come gestire lo stipendio e arrivare a fine mese senza affanni

Il primo passo per evitare di arrivare a fine mese con l’acqua alla gola è mantenere un rendiconto di tutte le proprie entrate e delle uscite. Nonostante possa sembrare esagerato per alcune persone (guarda caso, proprio i più spendaccioni!) mantenere sotto controllo tutte le spese è fondamentale per gestire adeguatamente lo stipendio.

Sempre parlando di “spendaccioni“, considera che con uno stipendio buono o comunque nella media, si riesce a risparmiare 500 Euro al mese.

Da questo “registro” non deve scappare nulla: anche il singolo caffè al bar deve finire inesorabilmente nel conto.

Questo metodo, oltre a consentire di avere sempre sotto controllo le spese e gli introiti, è una sorta di “disincentivo” per chi è più propenso a spendere facilmente denaro.

Il senso di colpa o, più semplicemente la pigrizia, dovrebbe portare inesorabilmente a tagliare le piccole spese o quelle inutili.

La cosa importante è comunque essere intransigenti: tutte le spese vanno segnate così come gli introiti.

Un buon metodo per comprare qualcosa in più è sicuramente approfittare delle offerte del Black Friday che ogni anno arrivano prima del Natale; in questo modo è possibile risparmiare anche su giocattoli, abbigliamento e regali ad amici e parenti.

Prendi il risparmio come un gioco!

Per alcune persone gestire lo stipendio è più facile, per altre risulta molto difficile. Per aggiungere pepe alla situazione, si può vedere il tutto come un gioco.

Risparmiare anche solo un singolo euro al giorno, dopo un mese porta ad aver messo da parte una piccola cifra. Questa sorta di premio, non deve per forza essere messo nel salvadanaio, anzi. Si può festeggiare l’ottima gestione dello stipendio concedendosi una pizza o un piccolo regalo. Si tratta di un allenamento, uno stato mentale in cui bisogna entrare e che, per alcune persone, necessita di un piccolo premio finale.

> Leggi anche i nostri 10 consigli per risparmiare .

Le spese legate al cibo

Naturalmente sinora ci siamo riferiti principalmente a chi ha uno stipendio ma ha evidenti difficoltà a limitare le spese. Se invece il problema e concreto in quanto le entrate sono molto basse, la situazione si fa decisamente più seria.

Come gestire uno stipendio decisamente basso? A maggior ragione, in questo caso, anche un piccolo risparmio giornaliero può fare la differenza.

In questa ottica, si può partire dal frigo. Il cibo costituisce una voce importante per quanto riguarda le spese di una famiglia ed è dunque nostra premura trovare il modo per limitare i costi.

Pianificazione

Tra i vari espedienti da usare per risparmiare quanto possibile vi è un’attenta pianificazione del cibo disponibile, tutelando innanzitutto la varietà e la qualità di quanto mangiamo e quanto diamo da mangiare alla nostra famiglia.

Cibo locale e di stagione

Optare per verdure di stagione, prediligere alimenti piuttosto sani ma al contempo economici come uova e pasta, limitare la carne e il pesce (attenzione: non eliminare del tutto!) può essere un ottimo modo per riuscire a terminare il mese senza affanni.

Home made. Cibo fatto a casa: più economico e salutare

Per chi ha parecchio tempo a disposizione inoltre, è possibile tornare ai prodotti preparati in casa. Farina, latte, acqua hanno costi estremamente limitati e consentono di preparare una svariata quantità di cibo anche piuttosto gustoso, a partire da dolci, pane, pasta, salse e condimenti.

> Leggi anche la nostra guida su come vivere in 4 con 1200 o 1500 euro al mese .

Le bollette

La gestione delle bollette è un’altra voce importante di cui tener conto. Naturalmente, questa dipende anche dal contesto in cui ci si trova.

Per quanto riguarda il riscaldamento, per esempio, un siciliano spenderà sicuramente meno rispetto a un valdostano. Al di là di ciò, va ricordato come, per esempio, anche per questioni ecologiche è bene limitare le temperature elevate del termostato. Adattarsi ad avere una temperatura casalinga di 18 gradi, può portare notevoli vantaggi a livello di consumi. Se poi patite particolarmente il freddo, è sempre possibile coprirsi di più!

Anche il risparmio dell’acqua può essere un ottimo modo per gestire al meglio il proprio denaro. Limitare il consumo, soprattutto di quella calda, può avere un peso specifico notevole a fine mese.

In conclusione

Gestire lo stipendio al meglio, tenendo conto che l’imprevisto è sempre dietro l’angolo, può permettere a una famiglia di vivere degnamente anche con un introito piuttosto basso.

Seppur il risparmio porti alcune limitazioni, a conti fatti, può portare anche vantaggi, sia per quanto riguarda l’alimentazione, sia nell’ambito ecologico.