Recensione Buddybank: opinioni 2018

Buddybank è la banca "conversazionale" di Unicredit Banca che, in accordo con Apple, ha realizzato una banca unica nel suo genere. Scoprila ora!

Dopo tanto attendere, Unicredit ha mantenuto la promessa di lanciare sul mercato il “primo modello di banca digitale e conversazionale”: si tratta di Buddybank, l’app smart per correntisti smart… e anche per chi ancora non lo è ma ha necessità di organizzare le proprie spese in maniera semplice e veloce.

Già dalla definizione dell’istituto di credito saltano all’occhio le caratteristiche fondanti di questo progetto che si preannuncia rivoluzionario: da un lato un’app che funziona come banca digitale, forse non totalmente una novità nel mondo finanziario, e dall’altro, ecco l’innovazione, un rapporto personalizzato con il cliente.

Buddybank, la banca” Conversazionale” con chat privata

“Conversazionale” si riferisce proprio alla possibilità di ricevere aiuto e consulenza tramite la chat privata inserita all’interno dell’applicazione. Insomma, ti piacerebbe dire addio a lunghe e noiose code allo sportello? Immaginiamo di sì, e per farlo ti serve un iPhone.

Buddybank nasce da un’idea di Unicredit, è stata però realizzata grazie ad un accordo con Apple Pay. Per questa ragione l’app è esclusiva del colosso di Cupertino; può infatti essere scaricata solo da Apple Store, e condizione necessaria è che il sistema operativo del device sia iOS 10 o superiore.

Servizi di Buddybank

  • chat privata;
  • apertura conto corrente;
  • carta di debito o di credito;
  • sottoscrivere prestiti;
  • fare trading.

Vediamo subito tutte le caratteristiche, i pro e i contro nati dall’unione tra le due società, cercando di delineare il profilo di utente per cui questo prodotto risulta più adatto.

Recensione Buddybank base: costi e caratteristiche

Il conto Buddybank ha il canone mensile azzerato. Altrettanto gratuiti sono i bonifici SEPA ordinari e i prelievi da ATM Unicredit, sia in Italia che all’estero. Infine, esenti da costi sono anche i versamenti di contanti dagli ATM evoluti di Unicredit. I prelevamenti presso altre banche sono invece soggetti ad una commissione pari a 2€.

Si tratta di un conto corrente in piena regola, e che contempla dunque anche la possibilità di domiciliazione delle utenze.

Il servizio di concierge è il fiore all’occhiello del prodotto: troverai un consulente disponibile per assistenza 24h su 24, 7 giorni su 7, festivi inclusi.

Incluso nell’offerta troviamo il canone annuo della carta di debito internazionale, utilizzabile sia per gli acquisti online che tramite i POS fisici; puoi collegarla ad Apple Pay in modo da essere utilizzata esclusivamente in maniera digitale per una maggiore sicurezza.

Per chi apre il conto Buddybank base, è possibile richiedere la carta di credito Mastercard World Elite al costo annuo di 80€, mentre l’emissione ammonta a 10€.

Recensione Buddybank love: costi e caratteristiche

Sul conto base è possibile attivare il modulo love al costo mensile di 9,90€ per chi sottoscrive l’opzione entro il 31 dicembre 2018; il canone ordinario sarà poi di 14,90€. Buddylove si può attivare e disattivare in qualunque momento, e gratuitamente, tramite l’app.

Il canone può tuttavia essere restituito se si riceve un accredito di almeno 1.500€ mensili o se si effettuano transazioni con la carta per almeno 500€ (anche cumulati).

Ma cosa offre in più Buddybank love? Beh, in questo caso esuliamo dall’ambito strettamente bancario per proiettarci nella sfera del lifestyle, in perfetta mission Apple.

Innanzitutto il servizio di concierge viene allargato a qualunque tua necessità: se hai bisogno di un consiglio su un ristorante, su un regalo di anniversario speciale, su dove passare il prossimo week end, o di prenotare biglietti per il cinema o per un concerto, basterà cliccare sulla chat e parlare con un operatore che saprà consigliarti al meglio. Si tratta insomma di un’esperienza più che finanziaria, che coinvolgerà la tua vita a 360°.

Il modulo dà inoltre diritto a ricevere gratuitamente carta di credito Buddybank World Elite Mastercard. Tramite la carta potrai accedere ad oltre 950 louge aeroportuali internazionali, rateizzare le tue spese direttamente dall’app e, anche in questo caso, collegarla ad Apple Pay.

Infine, potrai effettuare gratuitamente non solo i bonifici ordinari, ma anche quelli istantanei e periodici.

Vantaggi

Da quanto è emerso sino ad ora, ti sarai già fatto un’idea sul cliente-tipo di Buddybank: millennial, iPhone dipendente, non troppo avvezzo alla burocrazia tradizionale.

In effetti il progetto di Buddybank, che mira ad inserire la vecchia banca dentro una nuova banca, è proprio quello di fare avvicinare i giovani agli strumenti finanziari più comuni: conto corrente e carta di debito o credito. E in questo, il progetto è vincente: grafica, call center sempre attivo, consulenza sul lifestyle rendono l’app sicuramente adatta ad una generazione che ricerca appeal e funzionalità in qualunque ambito.

Sarebbe però un errore ridurre i vantaggi di Buddybank ad una ristretta élite. L’interfaccia è semplice e intuitiva, e proprio il servizio di concierge, che sia esclusivamente bancario o nella sua versione allargata tramite il modulo love, possono andare incontro anche alle esigenze di chi ha meno confidenza con i device mobili.

Ad di là di Buddybank stiamo andando incontro a servizi bancari sempre più digitalizzati: quale istituto di credito non contempla oggi l’home banking? Nessuno. Quanti conti correnti totalmente online esistono? Tantissimi. Occorre dunque adattarsi alle nuove tecnologie per trarne tutti i benefici, quali ad esempio i costi più bassi rispetto alle operazioni effettuate agli sportelli o la possibilità di gestire il proprio conto in qualunque momento e luogo.

Svantaggi

Si tratta sicuramente di un canale interattivo, relazionale, innovativo e che si propone di consigliare il cliente a 360°, ma veniamo all’altra faccia della medaglia.

I feedback sul web sono certamente entusiasti: del resto, come detto, è un prodotto giovane per gente giovane, che non rischia di deludere le Apple victim.

Tuttavia la restrizione al solo universo della mela potrebbe alla lunga non portare tutti i profitti su cui Unicredit fa affidamento. Dal punto di vista del cliente Unicredit, il vincolo potrebbe suonare quasi come una selezione alla porta d’ingresso: un correntista, magari di lunga data, rimane precluso da un prodotto sicuramente interessante e utile sulla base del tipo di smartphone che ha in tasca. Siamo curiosi di vedere come reagirà il mercato in questo senso, ma al momento l’app è troppo giovane, e in pochi mesi di vita non è possibile fare ancora un bilancio realistico.

Altra nota dolente potrebbe riguardare i costi. Conti alla mano, i prezzi risultano superiori rispetto alla media dei tanti conti online esistenti, pur a parità di funzioni (eccetto il concierge lifestyle).

Buddybank conviene? Ecco le opinioni 2018

Alla luce di tutto ciò si intuisce quanto sia complicato rispondere a questa domanda. Tutto sta, come sempre, nel capire di cosa si ha bisogno e che cosa, dall’altro lato, ci stanno offrendo.

Buddybank ha sicuramente, come abbiamo visto, molti punti a favore. Cool, veloce, dinamica, totalizzante, l’app merita certamente una chance se hai un iPhone e se hai una vita movimentata e mondana, se vivi in una città da poco tempo e hai necessità di suggerimenti e consigli, o se viaggi molto per lavoro. In tutti questi casi hai trovato la risposta a tutti i tuoi interrogativi e puoi cancellare dalla memoria dell’iPhone tante applicazioni perché, siamo sicuri, ti basterà solo Buddybank.

Se sei alla ricerca di un conto completo e gratuito, sicuramente Buddybank non fa per te. Per chi fa un uso del conto prevalentemente per la domiciliazione delle utenze o per pagare il mutuo della casa, ci sono altre soluzioni maggiormente low cost e con strumenti interni più aderenti a questi ambiti. Inoltre, se non possiedi un iPhone non è certo il caso di comprarne uno appositamente per questa app!

Buddybank è insomma più settoriale delle sue concorrenti, ma perfettamente in linea con il pensiero Apple sugli iPhone: un prodotto bello, accattivante, d’alta fascia e da cui si rischia di dipendere non per necessità ma per fascino e comodità.