Recensione Monese 2018 – 2019: le opinioni su servizi, costi e sicurezza

Una nuova banca innovativa che si pone l'obbiettivo di abbattere le barriere della burocrazia, semplice e veloce con interessanti servizi a costi molto ridotti.

Monese è una banca che potremmo inserire in quella categoria di istituti di credito – abbastanza ristretta per il momento ma in crescita (vedi Banca N26) – di “generazione futura”, che si propone di avvalersi dell’uso delle tecnologie per migliorare l’esperienza bancaria dei suoi correntisti.

Monese, cos’è? Recensione 2019

In parole povere, si tratta di una banca che ha iniziato a fornire servizi finanziari sin dal 2015.

Oggi dà ai propri clienti la possibilità di fare (quasi) tutto quello che è possibile fare con un normale istituto di credito, ma in maniera virtuale, veloce e semplificata. Per citare uno slogan della compagnia stessa, Monese “è stata pensata per essere istantanea e abbattere le barriere della burocrazia”.

Come aprire un conto Monese

Non disponendo di alcun tipo di filiale fisica, Monese è prima di tutto completamente mobile, il che significa che il nostro denaro sarà sempre gestibile dallo smartphone, in qualsiasi momento e ovunque ci si trovi.

Nonostante sia nata in Inghilterra, una delle più apprezzate caratteristiche di questa realtà è la sua internazionalità: essendo un servizio completamente virtuale, un conto Monese può essere aperto da qualsiasi individuo risiedente nei paesi in cui la società opera (Italia compresa), che in linea di massima coprono tutta l’area dell’Area Economica Europea.

Altro fattore di rilievo è il fatto che aprendo un conto Monese si aprirà in tutti i sensi un conto corrente inglese, e questo ci sarà possibile pur senza dover dimostrare di risiedere in UK. Una possibilità più unica che rara.

Il conto può essere aperto istantaneamente semplicemente recandosi sul sito della società e inserendo il proprio numero di cellulare. A quel punto dovremo scaricare l’app e navigando all’interno di questa completeremo tutti i passaggi fino all’apertura vera e propria. Ci verrà chiesto di inviare un selfie congiuntamente a una foto di un nostro documento di riconoscimento per confermare la nostra identità, e il gioco è fatto.

In pochi minuti, si potranno già utilizzare tutte le opzioni proprie dei comuni conti correnti, come l’accredito dello stipendio e l’invio e ricezione di bonifici.

Conti Monese: conti, servizi e costi

Per il resto funziona come un comune servizio di home banking, con alcune peculiarità e differenze che elenchiamo di seguito.

Innanzitutto esistono tre diversi pacchetti:

  1. Starter;
  2. Plus;
  3. Premium.

Starter

Lo Starter è completamente gratuito, nel senso che non prevede costi di apertura ma bensì alcuni addebiti occasionali, a seconda delle operazioni che facciamo.

Plus e Premium

Gli altri due profili, il Plus e il Premium, costano rispettivamente 4,95€ e 14,95€ al mese, ma abbattono e in alcuni casi eliminano del tutto i costi accessori che invece sono previsti dal profilo Starter.

Costi

Nello specifico:

  • La carta di debito (contactless, circuito Visa) ha un costo di 4,95€ una tantum per il profilo Starter, mentre è gratuita per chi attiva un conto Plus o Premium;
  • Prelievi: costano 1€ per il pacchetto Starter, sono completamente gratuiti per il Premium e sono gratuiti fino a un limite di 6 al mese per il Plus;
  • I correntisti premium avranno gratuiti anche i cambi in valuta estera, mentre i Plus e gli Starter dovranno pagare rispettivamente lo 0,5% e il 2% di commissioni, con commissione minima pari a 2 sterline;
  • Lo 0,35% del deposito verrà poi richiesto sia agli utenti Starter che a quelli Plus ogni volta che verseranno denaro in-app, mentre l’operazione è gratuita per i clienti Premium;
  • Concludiamo con i depositi in contanti, che possono essere eseguiti presso gli uffici postali o in un qualsiasi PayPoint. Presso gli uffici postali, il costo di commissione è del 2% sul versamento per i correntisti Starter (commissione minima, 2 sterline) e di 1£ per quelli Plus. Nei centri Paypoint, invece, le commissioni salgono al 3,5% per gli Starter (commissione minima, 3£) e al 2,5% (commissione minima, 1£) per i Plus. In entrambi i casi chi avrà attivato un profilo Premium non pagherà nulla.

Quanto ai bonifici, è garantita la massima gratuità per entrambi i correntisti se si ricevono o inviano soldi da e verso un conto Monese, altrimenti il costo è pari allo 0,5% del valore di transazione.

Limiti

Veniamo alle limitazioni, che coinvolgono questo conto così come tutti quelli di pari categoria.

Il plafond massimo è di 40.000£ (circa 45.500€), ciò vuol dire che oltre quella cifra non si potranno depositare soldi sul proprio conto Monese. Indichiamo anche le altre limitazioni in sterline britanniche, poiché così vengono espresse sul sito dell’istituto di credito. Un qualsiasi convertitore gratuito online potrà essere utilizzato per tradurre in euro le cifre che elencheremo.

  • Il limite massimo di ogni singolo pagamento con la carta di debito è di 4.000£, mentre se si effettuano più transazioni non se ne potranno spendere più di 7.000;
  • Il deposito massimo giornaliero sia presso gli uffici postali che presso i centri PayPoint è di 500£. Nello specifico, nei centri PayPoint non si possono versare più di 249£ a transazione.
  • I prelievi tramite ATM non possono superare le 300£ giornalieri

Monese è sicuro?

Trattandosi di un conto corrente che ha velleità di essere usato da chiunque e in qualsiasi zona d’Europa come se ci trovassimo all’interno della nostra banca di fiducia, la parola d’ordine per Monese è sicurezza.

Nonostante la rapidità con cui è possibile aprire il conto, per ottenerlo bisogna comunque segnalare il proprio indirizzo di residenza, mandare una propria foto e un proprio documento di identità.

Quanto al denaro, questo viene protetto da una password scelta dal correntista che può essere cambiata quando più lo si desidera. Inoltre, se non si usa l’app per almeno 20 minuti si viene sloggati automaticamente.

Se lo smartphone su cui abbiamo installato l’app viene smarrito o rubato, il servizio clienti è a disposizione per qualsiasi operazione di blocco dal lunedì al sabato, e fornisce assistenza durante gli orari d’ufficio. L’assistenza può essere ottenuta o tramite la chat presente sul sito web della compagnia o telefonicamente al numero 0409720044.

Opinioni conclusive: i pro e contro di Monese

Concludendo possiamo riassumere in poche righe i tanti vantaggi e i pochi svantaggi di aprire un conto Monese.

Fra i pro, segnaliamo sicuramente la facilità e la rapidità con cui si può aprire il conto, l’assenza di commissioni nel trasferire denaro per mezzo di bonifico verso altri correntisti Monese e la presenza di una carta di debito che comporta spese di gestione relativamente basse, addirittura nulla se si apre un conto Plus o Premium.

Fra le note negative, c’è forse proprio il fatto che per ottenere delle opzioni extra è necessario pagare una quota mensile, e il fatto che la compagnia si appoggi a PayPoint, realtà che in Italia ancora non ha raggiunto un radicamento accettabile su tutto il territorio nazionale. A ciò si aggiunga che alcune operazioni possono essere effettuate solo ed esclusivamente presso un centro fisico (come i depositi di una certa entità), limite che comunque accomuna Monese a tutte le altre realtà di home banking operanti in Italia.