Migliori conti correnti per atipici

La rivoluzione digitale e sociale degli ultimi anni ha portato molti lavoratori a trovarsi nella condizione di non poter più ambire al tanto agognato posto fisso.

La crisi economica del 2008 ha contribuito ad accelerare la profonda rimodulazione del concetto di lavoro, e da una decina d’anni oramai hanno fatto la loro comparsa e preso sempre più piede nuove figure, quelle dei lavoratori atipici.

Si tratta di persone che non possono vantare un contratto “standard” per la natura stessa del tipo di lavoro svolto e dei tempi di gestione delle mansioni. Pertanto, trattandosi di attori nuovi nello scenario microeconomico nazionale, gli istituti di credito hanno faticato non poco a trovare soluzioni finanziarie adatte a questa nuova categoria, sebbene alla fine pare che abbiano trovato la quadra del cerchio.

Per tanto, in questo articolo vedremo prima di tutto chi è un lavoratore atipico e in che misura si differenzia dalle altre categorie di lavoratori, salvo poi passare ad elencare quali possano essere le migliori forme di conto corrente proposte dai diversi istituti di credito per tipologia oggetto di questo articolo.

Chi è il lavoratore atipico

Prima di entrare nel merito di quelli che possono essere i migliori conti correnti per atipici, cerchiamo di capire meglio quali tipologie di lavoratori rientrano in questa categoria. In sommi capi, e con le dovute eccezioni del caso, possiamo riassumere molto dicendo che si qualificano come atipici tutti i lavoratori e le lavoratrici che hanno un contratto:

  • Di telelavoro, o comunque di lavoro svolto da casa.
  • Di apprendistato, che può valere per i giovani di età compresa fra i 15 e i 20 anni a seguito di richiesta nominativa e concordata con l’azienda, oppure di età non superiore ai 29 anni per coloro impiegati nel settore dell’artigianato. La durata massima di questo tipo di contratto non può superare i 5 anni.
  • Di tipo part-time, ovvero che non richieda al lavoratore un impiego superiore alle 20 ore settimanali, indipendentemente dal fatto che il contratto sia a tempo determinato o indeterminato.
  • Di formazione lavorativa, a cui possono ambire tutti i giovani di età compresa fra i 16 e i 32 anni. Tale contratto sarà necessariamente a tempo determinato e non potrà durare meno di 12 mesi né più di 24; al termine del periodo di formazione, può essere riconvertito in un contratto a tempo indeterminato.

Lavoratore atipico? Ecco i migliori conti correnti per te

Da queste poche righe preliminari sarà apparso chiaramente che il lavoratore atipico – in buona parte dei casi – non disporrà di un’entrata economica pari a quella di chi può vantare un impiego full-time per una grande azienda o per lo Stato.

Un buon conto per i lavoratori atipici sarà per tanto, e prima di tutto, gratuito.

In secondo luogo, sarebbe apprezzabile il fatto di poterlo aprire e utilizzare online o tramite app, poiché si tratta di una categoria di persone che nella maggior parte dei casi non ha orari prestastabiliti, e che quindi dovrà avere la possibilità di effettuare qualsiasi operazione in qualsiasi momento lo desideri.

Dopo attenta ricerca, abbiamo individuato nelle proposte di CheBanca! e Hello! Bank i migliori conti correnti per lavoratori atipici. Li descriviamo in dettaglio nelle righe che seguono, non disdegnando in chiusura di questo articolo di elencare anche alcune alternative a quelle trattate dei prossimi due paragrafi.

Conto Corrente Digital di CheBanca!

Caratteristiche del conto

Il conto Corrente Digital di CheBanca! si contraddistingue per essere assolutamente gratuito, quindi privo di canone mensile, qualora tutte le operazioni bancarie vengano effettuate online. Pari a zero sono anche le spese relative all’imposta di bollo indipendentemente dal valore di deposito, e con l’apertura del c.c. si ha diritto sempre in maniera gratuita a una carta di debito contactless.

Aspetto interessantissimo è poi quello della gratuità dei prelievi: se non sorprende che non vengano applicate commissioni sui circuiti italiani, Conto Digital fa quel salto di qualità in più e permette di prelevare gratuitamente e senza commissioni aggiuntive da ogni ATM del mondo.

Tutta la comodità di operare online

Come dicevamo sopra, il conto è gratuito se si opera online, ma ciò non vuol dire che non si abbia diritto ad alcun tipo di assistenza. Tuttavia, nel momento in cui si ha la necessità di richiedere assistenza di sportello, verrà applicata una tariffa pari a 3 euro per operazione.

Se il correntista ritiene con ragionevole cognizione che si affiderà ai servizi dello sportello numerose volte durante l’anno solare, potrà sottoscrivere al costo di 2€ mensili l’opzione Assistenza in Filiale. Questa può essere attivata in qualsiasi momento e non necessariamente al momento dell’apertura del conto; allo stesso modo, il correntista può decidere di disattivarla quando più lo ritiene opportuno, sebbene le modifiche risulteranno attive a partire dal successivo mese solare.

Fra le spese a cui fare attenzione segnaliamo poi quelle relative ai bonifici di un importo che l’istituto di credito definisce “rilevanti”, e lo stesso valer per quelli urgenti. In entrambi i casi si pagherà un costo di gestione anche se l’operazione viene effettuata online, mentre in tutti gli altri casi i bonifici sono gratuiti.

L’obiettivo dichiarato di Conto Digital è quello di dare ai propri clienti libertà di gestione assoluta. Le operazioni che è possibile effettuare sono illimitate e, oltre che da filiale o online, possono essere eseguite anche tramite la pratica app, quindi direttamente dal proprio smartphone e in qualsiasi angolo del globo.

Le Operazioni: Cosa è possibile fare con il conto Digital?

Passiamo alle cose concrete, ovvero le operazioni che il conto Digital permette di eseguire una volta aperto. Innanzitutto, anche se ha un contratto di lavoro atipico chi lo stipula è prima di tutto un lavoratore, e come tale plausibilmente percepirà uno stipendio. Conto Digital permette l’accredito dello stipendio (e, per la cronaca, anche della pensione) grazie al codice IBAN di cui dispone.

Si possono poi eseguire giroconti e bonifici (ma ricordiamo che quelli urgenti o rilevanti hanno un costo), e direttamente dal sito o dall’app è poi inoltre pagare i bollettini più noti e diffusi come i RAV e i MAV, ma anche F24 e RI.BA.

Sul conto Digital – per le stesse ragioni che abbiamo indicato relativamente all’accredito dello stipendio – è inoltre possibile domiciliare utenze domestiche (quindi bollette di luce, acqua, gas e internet che verranno pagate con addebito diretto sul conto), e infine sarà possibile effettuare ricariche telefoniche per tutti i gestori operanti in Italia direttamente dal proprio account, senza bisogno di recarsi dal tabaccaio.

Come aprire il Conto Digital di CheBanca!

Conto Digital è pensato appositamente per chi non ha tempo, modo o voglia di recarsi fisicamente in banca per aprire il proprio conto. È infatti possibile attivarlo direttamente online, collegandosi al sito dell’istituto di credito e compilando l’apposito form che è possibile trovare navigando dall’home page.

I passi da completare sono davvero pochi: basterà caricare i propri documenti di riconoscimento dopo averli scansionati o anche solo fotografati, per poi sottoscrivere il contratto (ma attenzione, è necessaria la cosiddetta FEA, ovvero la Firma Elettronica Avanzata) e il gioco è fatto. Una conferma via e-mail darà notifica dell’avvenuta apertura del conto. In alternativa, è possibile effettuare un’apertura “mista”, con registrazione sul portale web salvo poi spedire la documentazione cartacea (documenti e contratto) presso una delle filiali di CheBanca! disseminate sul territorio nazionale.

Esiste, per gli amanti delle cose alla “vecchia maniera”, anche una terza opzione, che è quella della completa apertura del conto in una filiale fisica del gruppo.

Cambiare banca aprendo Conto Digital

Aprendo Conto Digital sarà inoltre possibile trasferire sul nuovo conto tutti i servizi del vecchio, quindi effettuale un agevole passaggio da una banca all’altra. Le tempistiche per tale passaggio, per legge, non dovranno superare i 12 giorni lavorativi, e tutte le operazioni di trasferimento saranno a carico di CheBanca.

Se si possiede già un vecchio conto corrente che si desidera chiudere, quindi, basterà aprire Conto Digital per vedersi automaticamente accreditati lo stipendio sul nuovo IBAN, oltre ovviamente al saldo residuo presente sul vecchio conto e – qualora presenti – gli addebiti automatici di bollette e utenze.

Conto Corrente Hello! Money di HelloBank!

Un’altra ottima soluzione per chi ha un contratto come lavoratore atipico e ha intenzione di aprire un conto corrente è il prodotto Hello! Money di HelloBank!.

Anche questo è un conto gratuito, che tuttavia promette un alto rendimento. Infatti, nel caso in cui si dimostri una giacenza trimestrale superiore ai 25.000€ si ha diritto all’1% di interesse lordo da applicare sulla cifra depositata.

Attualmente Hello! Money prevede un’ulteriore promozione, grazie alla quale se si versano almeno 3.000 € sul conto o se si sceglie l’accredito dello stipendio si riceve un buono regalo da spendere su Amazon.it per un valore pari a 150€.

Hello! Money, come dicevamo sopra, è un conto online a zero spese. Ciò significa che il correntista non dovrà sborsare un euro né al momento dell’apertura, né per quel che riguarda il canone, né in riferimento alle spese di gestione. Tutte le operazioni possono essere svolte gratuitamente da casa tramite il proprio PC e la propria connessione internet, oppure in qualsiasi altro luogo del mondo grazie alla pratica app disponibile per sistemi operativi Apple, Android, BlackBerry e Windows Phone

Peculiarità di questo prodotto è quello di poterlo aprire in cointestazione, ovvero insieme a un’altra persona che può essere il proprio partner, un membro della famiglia o anche un collega di lavoro, fino a un massimo di tre cointestatari. Per aprire un conto cointestato sarà sufficiente comunicare a Hello! Bank i codici fiscali di tutti i correntisti; l’autenticazione è rapida ed efficace, e può essere effettuata anche in videochiamata.

Carta di debito Hello! Mat

Aprendo il conto Hello! Money, ogni intestatario ha diritto a una carta di debito Hello! Mat. Vediamone di seguito le caratteristiche.

Hello! Mat è completamente gratuita, non ha spese di gestione né relative ai prelievi. Ciò che varia è il limite massimo di prelevamento giornaliero, pari a 2.000€ agli ATM delle filiali BNL e a 500€ se ci si reca presso i distributori di altre banche.

Settore sicurezza: trattandosi di un conto aperto online, la carta verrà inviata tramite posta, ma il PIN per effettuare le varie operazioni sarà comunicato esclusivamente online nell’ara cliente presente sul sito di Hello! Bank. In quella stessa sezione il PIN sarà sempre visibile, così da evitare spiacevoli inconvenienti derivanti da dimenticanze o distruzioni/smarrimenti di supporti cartacei.

Come ogni altra carta di debito, anche la Hello! Mat può essere utilizzata per effettuare acquisti online e in ogni esercente in possesso di POS. Si tratta di un prodotto contactless, pertanto per acquisti inferiori ai 25 € non sarà necessario inserire il PIN, ma basterà avvicinare la carta all’apposito lettore.

Inutile dire, infine, che tutti gli accrediti che il correntista riceve sul proprio c.c. sono immediatamente disponibili anche sulla carta, pertanto non sarà mai un problema portare con sé e avere a propria disposizione l’intero stipendio, l’ultimo bonifico, o magari le vincite delle giocate effettuate su un sito di scommesse.

Oltre CheBanca! e HelloBank!: le altre soluzioni

Se quelli proposte da CheBanca! e HelloBank! ci sono sembrati i migliori conti correnti per lavoratori atipici, in rete è possibile trovare anche prodotti alternativi per cambiare banca e risparmiare, dalle caratteristiche simili ai due sopraelencati e per questo non meno interessanti.

Altre soluzioni interessanti di conto corrente

Tutte le soluzioni riportate nella lista che segue sono pertanto a zero spese, possono essere aperte online e presentano una qualche forma di promozione o incentivo:

  • Conto Widiba di Widiba: carta prepagata gratuita per i primi 12 mesi e tasso di interesse dell’1,5% annuo;
  • Conto Webank di Webank: se accrediti lo stipendio o apri una linea vincolata per almeno 12 mesi hai diritto a 120€ di buono da spendere presso i distributori di carburante Erg;
  • Conto Corrente Arancio di ING Direct: 2% di interesse annuo;
  • Conto Adesso di Crédit Agricole: se apri il conto online e accrediti lo stipendio hai diritto a un buono di 150€ da spendere su Amazon e all1% di rendimento annuo;
  • Conto Corrente N26 di Banca 26: invitando i propri amici ad aprire il conto, si possono ricevere fino a 150€.